lunedì 27 marzo 2017

Alice nel Paese delle Meraviglie - Attraverso lo Specchio, Lewis Carroll.

Titolo: Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie - Attraverso lo Specchio.
Autore: Lewis Carroll.
Casa Editrice: Mondadori.
Pagine: 344.


Alice.
Alice la Matta.
Alice la Matta che vive avventure fantastiche in compagnia di amici improbabili.
Alice a cui nessuno ha insegnato che non si accettano bevande o dolcetti dagli sconosciuti.
Alice che beve e mangia cose trovate per caso.
Alice, lo Stregatto, il Cappellaio, il Brucaliffo e tutti gli altri.
Alice e la Regina Rossa.
Alice si sveglia, nessuno le crede.
Alice attraversa lo specchio.
Alice incontra altri personaggi strani.
Alice vive altre avventure fantastiche (ed improbabili).
Alice torna alla realtà.

Insomma, un bel potpourri di personaggi, situazioni e accadimenti improbabili, nel segno del nonsense più spinto.
Avevo letto Carroll alle superiori. In estate ci era stata assegnata la lettura di Alice nel Paese delle Meraviglie per le vacanze, ma in versione ridotta e in lingua. Ne conservavo un ricordo sbiadito e volevo recuperare da tempo, ma continuavo a tergiversare. Alla fine però il mio affetto per i personaggi della mia infanzia prima e dei film di Burton poi mi ha convinta a buttarmi in questa lettura assolutamente fuori dalla mia comfort zone.
Devo ammettere che sono rimasta un pizzico delusa. Sapevo che il libro era profondamente diverso dai suoi adattamenti, ma non pensavo così tanto e un po' mi è dispiaciuto. Non ho ritrovato tutte quelle situazioni che mi hanno fatto amare cartone animato e film. Ovviamente, la mia testolina da lettrice sa che prima si dovrebbe leggere il libro e poi vedere gli adattamenti, quindi incasso il colpo e non mi lamento perché me la sono un po' cercata.

Certo è che Carroll (tralasciando dicerie, verità e chiacchiere) ha scritto un capolavoro del nonsense. Non so chi altri prima di lui potrei citare, ma dopo di lui non se ne possono certo citare tanti davvero di rilievo. Quindi sono più che convinta che questo classico vada letto, se non altro per poterne parlare in modo dubbioso e breve come ho fatto io.

E voi avete letto questo famosissimo libro? Vi è piaciuto? Lasciatemi un commento e raccontatemi la vostra esperienza con il nonsense!

4 commenti:

  1. Ogni volta che guardo un adattamento, mi chiedo da dove lo abbiano tirato fuori xD
    Io non sono un'amante infinita di Alice, però mi sono fatta una cultura al riguardo perché era parte centrale della mia tesina di maturità (sì lo so, pare strano, ma è così xD)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà...forse ogni adattamento nasce da visioni
      personali...da sogni strani che fa fare la lettura di Carroll...

      Elimina
  2. L'ho letto anni fa! Mi è piaciuto, anche se non ne sono andata matta, diciamo che l'ho letto più per curiosità dato che è così famoso e volevo sapere com'è la vera storia.
    Tuttavia i film di Tim Burton a me non erano affatto piaciuti, troppo eccessivi, si allontanavano dall'idea naif che il libro mi ha trasmesso. Il mio adattamento preferito resta quello della disney :D

    RispondiElimina
  3. Ciao Anto, come te anche io sono rimasta delusa dal libro. Mi aspettavo una storia diversa dall'adattamento della Disney che, si sa, ha edulcorato praticamente tutte le storie classiche (vedi Biancaneve, Cenerentola, la Sirenetta e soprattutto la Bella addormentata nel Bosco) e di base sono una persona che apprezza il nonsense, se fatto bene. Quindi la mia delusione sta soprattutto nel personaggio di Alice, che io ho trovato davvero detestabile!!! Non la potevo soffrire! Antipatica, supponente, viziata...proprio no! Riguardo al nonsense, io mi sono fatta l'idea che questo sia un libro che non si possa leggere tradotto perché si perde troppo. Penso che da quel punto di vista sia geniale, ma di più difficile comprensione nella nostra lingua. Resta comunque un classico interessante, anche se, ripeto, non è un libro che rileggerei volentieri. Un bacione fanciulla!

    RispondiElimina